News | Utilità

Cosa cambia dal 2021 per i conti in rosso?

Cosa cambia da quest’anno per i conti in rosso?

Dal 1 Gennaio 2021 è entrato in vigore il nuovo regolamento EBA (Autorità Bancaria Europea). Questo nuovo regolamento prevede che in caso di saldo negativo del conto corrente gli istituti di credito saranno tenuti a respingere gli addebiti automatici. Questo potrebbe generare uno stop dei pagamenti di utenze, bollette, mutui e finanziamenti e ogni altro addebito SDD (Sepa Direct Debit), inoltre il correntista che dovesse trovarsi in questa situazione potrebbe correre il rischio di essere segnalato come cattivo pagatore. (Stato di Default)

Ma come funziona? 

Se un correntista dovesse presentare un “saldo in rosso” si troverebbe respinti tutti i pagamenti automatici e se superasse le soglie di mancato pagamento di 100 euro per i privati e di 500 euro per le imprese per oltre 90 giorni consecutivi verrebbe anche segnalato. 

Il nuovo regolamento EBA potrebbe generare come effetto collaterale una diminuzione di accesso al credito sia per i privati che per le aziende che si trovassero ad essere segnalati come cattivi pagatori. 

Tuttavia queste nuove regole non vietano che si possano consentire sconfinamenti, le banche, nel rispetto delle proprie policy, potranno consentire ai clienti di sconfinare oltre la disponibilità presente sul conto ovvero, in caso di affidamento, oltre il limite di fido.

Si tratta però di una scelta discrezionale della banca, che può consentire oppure rifiutare lo sconfinamento. 

Inoltre non sarà più consentita la compensazione in automatico con altre posizioni in attivo detenute. (Fondi Comuni Investimento).

Occorrerà quindi prestare molta attenzione all’utilizzo dei conti correnti, dei saldi e dei pagamenti automatici.

Consigli pratici:

  • Rispettare le scadenze ed evitare di accumulare arretrati.
  • Verificare frequentemente i saldi dei conti correnti (specie quelli secondari) e delle carte di credito.
  • In caso di difficoltà avvisare subito la propria banca per valutare insieme possibili soluzioni.

Andrea Simbula il Coach Finanziario

Articoli simili

Rispondi